home chi siamo comitato@sichampolucnoscempio.it

seguici su

 

SI CHAMPOLUC NO SCEMPIO

 

SI CHAMPOLUC NO SCEMPIO

CHI SIAMO IL CEMENTO SUL VERDE IMMAGINI COLLEGAMENTI DIALOGA CON NOI SUL BLOG
     
Vista di Champoluc lungo il sentiero per Mascognaz  

Veduta di Champoluc lungo il sentiero per Mascognaz

 
 

Tipica abitazione Walser

 

Nel V secolo D.C., una popolazione germanica proveniente dall’attuale Svevia, gli Alemanni, diede inizio ad una grande migrazione verso sud, nel corso della quale arriv˛ a colonizzare terre attualmente comprese tra l’Oberland Bernese e la Valle dell’Aare.

La sua espansione termin˛ nell’anno 1000 e comprese l’intero territorio dell’odierna Confederazione Elvetica, nota come Wallis o Vallese; da qui, in tempi successivi alla loro seconda migrazione, deriv˛ il nome di Walliser per questi popoli, poi abbreviato in Walser.un periodo di temperature alte e grande arretramento dei ghiacciai, che permise il valico dei passi alpini e la discesa nelle vallate a meridione del Monte Rosa.

Questi spostamenti avvenivano solo di giorno ed erano caratterizzati da grande complessitÓ logistica, dovendo muovere contemporaneamente decine, se non centinaia, di viandanti, con masserizie e viveri, armenti e cavalcature al seguito. Labili le tracce storiografiche; tra queste, citiamo a titolo di esempio la rara Carta di Madama Reale, realizzata nel 1680 da G. T. Borgonio per Maria Giovanna Battista, duchessa di Savoia e Principessa di Piemonte. Questa carta Ŕ forse l’unica a ricordare la presenza Walser in Ayas, mediante la dicitura Aiax aleman.

Fonte:  Varasc e Wikipedia

 

 
     

 

 

 

 

 

 

 

 

     
  Difendi con noi il verde di Champoluc  
       
 

La famigerata "Strada di penetrazione" e relativo garage multipiano

Ecco come si presenterebbe l'area interessata dai lavori voluti dal Comune di Ayas e sostenuti in particolare dal Sindaco Giorgio Munari.

In queste prime quattro immagini, elaborate e corrette dal modello originale di simulazione proposto a gennaio dal Sindaco Munari, viene simulato parte del tracciato della Strada di penetrazione sulla riva destra del torrente, che zigzagando tra i condomini e chalets giÓ esistenti, sfocia fino al pi¨ ampio e soleggiato spazio verde del paese sul quale verrÓ costruito il garage multipiano. Da notarsi la sua altezza da arrivare a sfiorare i tetti delle abitazioni.

 
     
   

 
   

Clicca sull'immagine per ingrandirla

 
       
   

 
   

Clicca sull'immagine per ingrandirla

 
       
   

 
   

Clicca sull'immagine per ingrandirla

 
       
   

In questa quarta immagine, si noti il dislivello stradale, causato dallo scavo per il tunnel, che renderebbe impossibile accedere dalla strada di proprietÓ alle scale condominiali... sopraelevate!!! e raggiungere, oltre ai prati ambedue sopraelevati, la stessa strada, se non a rischio della propria vita.

 
   

 
   

Clicca sull'immagine per ingrandirla

 
       
   

In queste successive immagini l'area complessiva del paese coinvolta dai lavori e vista dall'alto.

Nella prima foto Ŕ stata simulata la nuova viabilitÓ che si andrebbe a creare a Champoluc, con il tracciato attuale (in giallo), la realizzazione delle nuove strade e il raddoppio di alcune esistenti (in rosso) e il nuovo garage multipiano (in viola).

 
     
   

 
   

Clicca sull'immagine per ingrandirla

 
       
   

Nelle foto sottostanti un particolare aereo dove sono evidenziate in bianco le attuali strade, quella in direzione nord verso la funivia (a destra) e quella verso il fondo Valle, dalla piazza del mercato, prosecuzione del "giro della luna" (a sinistra).

 
   

Clicca sull'immagine per ingrandirla

 
   

Clicca sull'immagine per ingrandirla

 
       
   

In questa seconda foto, ecco come si presenterebbe l'intera area con la strada di penetrazione (in tratto rosso) che partendo dalla regionale per Antagnod, Rue des Guides all'altezza del "Golosone" dovrebbe tagliare una delle zone pi¨ verdi e belle fra le aree del paese, zigzagando attraverso i prati alla destra del torrente per ricongiungersi alla viabilitÓ esistente dopo la Cappellina dove inizia il "giro della luna".

Inoltre, su questi ultimi verdi prati, (vedi le immagini), dove i bambini amano giocare e le famiglie camminare lungo la passeggiata pedonale a fianco del torrente, potrebbe sorgere un enorme garage multipiano con inevitabili andirivieni di auto e pullman.

 
   

Clicca sull'immagine per ingrandirla

 
   

Clicca sull'immagine per ingrandirla

 
       
   

Ricordiamo che dal sito web del Comune di Ayas, nell'area ad accesso libero della sezione Cartografia Ŕ possibile visualizzare e stampare immagini satellitari che mostrano l'attuale situazione. Clicca qui

 

 Note legali   -  Privacy  -  Mappa del sito

Versione stampabile

     
               
ę 2010  Comitato SI CHAMPOLUC NO SCEMPIO